Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi
giovedì 17/10/2019    |   Ultimo aggiornamento ore 21:46    |   Lavora con noi    |  

A San Benedetto del Tronto nuovo omaggio a Leo Ferrè

San Benedetto del Tronto | Splendido omaggio a Leo Ferrè sabato 15 giugno presso lo chalet enoteca Vinoammare di San Benedetto a cura del Centro Studi Leo Ferrè di San Benedetto del Tronto presieduto dal professor Giuseppe Gennari.

di Elvira Apone

un momento della serata

Sabato 15 giugno, dalle ore 21,15, lo chalet enoteca Vinoammare di San Benedetto del Tronto ha ospitato uno splendido revival dedicato al grande chansonnier francese Leo Ferrè, organizzato del Centro Studi Leo Ferrè di San Benedetto del Tronto presieduto dal professor Giuseppe Gennari.

Il clima familiare e accogliente e soprattutto la partecipazione di artisti di grande spessore hanno dato vita a un omaggio musicale coinvolgente, appassionante e di alta qualità, quella qualità che il prestigioso festival Leo Ferrè ha sempre mantenuto in tutte le ventuno edizioni, grazie alla direzione artistica del professor Giuseppe Gennari e a quella operativa di Maurizio Silvestri. Una serata, dunque, all’insegna della canzone d’autore e della poesia d’autore, che trova nella musica la sua più alta espressione. “Ferrè ha musicato tutto” ha affermato il professore, saggista e traduttore di Leo Ferrè, Giuseppe Gennari, anima del rimpianto festival, a sottolineare la duttilità e il talento del musicista, poeta e cantautore francese che aveva “una doppia vista, quella del poeta e quella del musicista”.

Artisti ormai noti al festival dedicato a Leo Ferrè si sono avvicendati sul palco sabato sera, applauditi da un folto pubblico attento e partecipe, formato da estimatori di Ferrè, ma anche da tante persone semplicemente amanti della buona musica. Ad aprire il concerto Roberto Nardin seguito da Lucio Matricardi che, nel ribadire l’intensità e la profondità dell’opera di Ferrè, ha ricordato la capacità del cantautore monegasco di riuscire a creare con la sua musica atmosfere magiche, capaci di farti “entrare nella storia delle cose”. È stata poi la volta del poeta e chansonnier Paolo Cristalli, vincitore del premio De Andrè alla poesia 2010, “un’istituzione del festival Ferrè”, come lo ha definito Gennari, che ha recitato versi densi di pathos e di forte impatto emozionale. Andrea Satta, insieme ai Tetes De Bois, interpreti italiani dello straordinario repertorio di Leo Ferrè, ha ancora una volta regalato al pubblico alcune perle musicali, anticipazione del concerto in cui il gruppo si è poi esibito all’alba del nuovo giorno. Satta, che era di recente stato ospite a San Benedetto anche della rassegna letteraria e musicale In Art, organizzata dall’associazione culturale Rinascenza con la direzione artistica di Annalisa Frontalini, ha rinnovato al professor Gennari uno speciale ringraziamento per aver mirabilmente tradotto in italiano tanti testi di Ferrè entrati a far parte del loro repertorio musicale, canzoni sempre attuali in cui si fondono, come in una prodigiosa alchimia, musica e poesia, ma che possono essere cantate “come se fossero canzoni pop”. La meravigliosa voce di Rossella Marcantoni, vincitrice a soli ventitré anni del Festival di Spoleto, accompagnata al pianoforte da David Martelli, ha condotto il pubblico in un viaggio lontano nel tempo, quel tempo che, come nella meravigliosa “Avec le temps” sembra cancellare ogni cosa, sfumare volti e contorni, attutire le voci, annebbiare i ricordi. A concludere il concerto un altro consueto ospite del Festival Ferrè, oltre che di recente della rassegna In Art, Gerardo Balestrieri, cantautore, compositore, polistrumentista, che, ancora una volta, è riuscito a coinvolgere e a emozionare, propagando intorno a sé quella forza vitale che sembra animare la sua musica e accendendo ogni parola, ogni verso, ogni suono di quella scintilla luminosa che li rende più belli e più veri.

C’era l’anima di Leo Ferrè sabato sera durante questo splendido omaggio, che ci farà ricordare per sempre quanto il Festival Ferrè abbia dato alla città di San Benedetto e a tutti quelli che hanno avuto il piacere e la fortuna di goderne; c’erano il talento e la passione di veri artisti che, ancora una volta, hanno reso omaggio a uno dei più grandi chansonnier del secolo scorso e, soprattutto, c’erano l’esperienza, l’energia, la dedizione e l’amore di un uomo, Giuseppe Gennari, che ha fatto e continua a fare alla sua città un grande dono attraverso la musica e la poesia di un artista che, grazie a lui, non sarà mai dimenticato.

 

 

17/06/2019





        
  



5+3=

Altri articoli di...

San Benedetto

15/10/2019
Lettera inviata questa mattina da UGL ai vertici aziendali AV5 e Regionale Marche (segue)
15/10/2019
Fermato un pregiudicato di 44 anni residente a Martinsicuro (segue)
14/10/2019
Samb:sbancato il Manuzzi! (segue)
13/10/2019
GROTTAMMARE - ATLETICO ALMA 0 - 0 (segue)
12/10/2019
Consegnati i riconoscimenti del Gran Pavese Rossoblu (segue)
12/10/2019
Orgoglio civico:"Prossime Regionali nelle Marche: sanità non come mucca da mungere" (segue)
12/10/2019
Il liberty nelle Marche: un vero e proprio stile di vita (segue)
12/10/2019
Controlli a tappeto della Polizia Stradale su alcool, droga e irregolarità dei mezzi pesanti (segue)

Cultura e Spettacolo

15/10/2019
Allena la tua mente! Generali dà il via ai corsi di scacchi per le famiglie (segue)
12/10/2019
Consegnati i riconoscimenti del Gran Pavese Rossoblu (segue)
12/10/2019
Il liberty nelle Marche: un vero e proprio stile di vita (segue)
11/10/2019
"Less Plastic More Future" Iniziativa organizzata dal Rotary Club di San Benedetto (segue)
30/09/2019
Una nuova pubblicazione per la Di Felice edizioni: “Epicrisi” di Ashraf Fayadh (segue)
30/09/2019
Assegnata la Palma d'Oro sambenedettese (segue)
29/09/2019
Riprende la stagione culturale di BlowUp (segue)
16/09/2019
Primo giorno di scuola all'Asilo Merlini (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji