Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi
sabato 03/12/2022    |   Ultimo aggiornamento ore 15:33    |   Lavora con noi    |  

Il mondo semplice di Jason Mraz

San Benedetto del Tronto | Jason Mraz "Yes!"

di

Jason Mraz

"Yes!" 

Contrariamente all'etimologia del suo nome di famiglia (Mraz in cèco vuole dire "ghiaccio") Jason Thomas Mraz, 37enne cantante della Virginia sprigiona calore da ogni composizione e tutta la forza e la creatività gli derivano dal sole della California (a vent'anni si è trasferito a San Diego) dove ha mosso i suoi primi passi nella musica esibendosi regolarmente al Java Joe's, un famoso locale di Ocean Beach. La crescita artistica dall'esordio discografico di "Waiting for my rocket to come" del 2002 è stata progressiva di pari passo al successo che non ha tardato ad arrivare culminando con un paio di canzoni come "I'm yours" e "Make it mine" diventate nel 2009/10 le canzoni dell'anno in America.

Alla sua quinta prova discografica intitolata "Yes!" (in uscita la prossima settimana) Jason Mraz ha dato un taglio col passato cambiando tutta la formazione che lo accompagna scegliendo come musicisti le Raining Jane, una formazione rock tutta al femminile. Non si tratta però di un disco di canzoni rock quello che si ascolta su "Yes!" bensì di 13 brani in puro stile folksinging pieno di intuizioni e modernità. Ad introdurle c'è "Rise", 90 secondi di sinfonismo e di classicità raccolti in poche note che fotografano una dimensione di totale rilassatezza sulla quale la chitarra sincopata di Mraz subentra e gioca con un pop delizioso nel quale l'amore decantato ("Love someone") è un gioco allegro e buffo col pregio della totale leggerezza e con l'armonia di una stella che pulsa.

Non è mai stato un cantante da drammi interiori Jason Mraz e continua e non esserlo su questo nuovo lavoro. Non è nemmeno un rapper Jason Mraz ma sa giocare con la lingua scegliendo il ritmo derivante da mono/bisillabi e costruendo piccole canzoni che alla distanza risultano efficaci e vincenti. Basta ascoltare "Hello, you beautiful thing" o "Everywhere" o "Out of my hands" per capire quanto l'autore sappia lavorare sulla limatura del verso e sul ritmo della parola. Quando accenna a ballate come "Long drive" o "Best friend" o "Quiet" o "You can rely on me" fuoriesce, anche grazie agli arrangiamenti delle composizioni, tutta la cultura country americana che ha segnato una lunga serie di artisti ma quando canta il sentimento più intimo, come su "It's so hard to say goodbye to yesterday" o "A world with you", Jason Mraz cresce nel migliore stile di Harry Nilsson o di Paul Simon il cui stile vocale torna molto spesso in queste canzoni di semplice e pregiata fattura. "Yes!" dimostra sempre di più il valore di un autore ormai maturo pronto al grande salto.

Voto 7,5/10

12/07/2014





        
  



2+5=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
TEDxFermo sorprende a FermHamente (segue)
27/10/2022
53 anni di Macerata Jazz (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
23/10/2022
A RisorgiMarche il Premio "Cultura in Verde" (segue)
22/10/2022
Porto San Giorgio torna a gareggiare al Palio dei Comuni (segue)
20/10/2022
La Nuova Barberia Carloni apre un tris di spettacoli (segue)

San Benedetto

12/10/2022
Studenti omaggiano il Milite Ignoto (segue)
10/06/2020
Samb: Serafino è il nuovo presidente! (segue)
27/01/2020
Istituto Professionale di Cupra Marittima: innovazione a tutto campo. (segue)
25/01/2020
Open Day a Cupra Marittima, al via il nuovo corso Web Community – Web Marketing (segue)
19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
10/01/2020
UGL Medici:"Riteniamo che gli infermieri e i medici debbano essere retribuiti dalla ASUR5" (segue)
10/01/2020
Premiato il cortometraggio intitolato "Sogni di Rinascita- Sibillini nel cuore" (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji