Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi
lunedì 15/07/2024    |   Ultimo aggiornamento ore 18:27    |   Lavora con noi    |  

Musica tra i fiordi con Nils Petter Molvaer

San Benedetto del Tronto | Nils Petter Molvaer "Switch"

di

Nils Petter Molvaer

"Switch"

"Switch" sta per un giro di manopola, come in una selezione di stazioni radio. Pochi millimetri di spostamento ed è subito un mondo diverso di suoni. Di sicuro non è equiparabile alla nostra tradizione radiofonica in FM dove, switchando si affonda, e spesso si muore, tra le stesse onde malefiche e noiose di una programmazione stantia senza fantasia e totalmente omologata. Per Nils Petter Molvaer, geniale musicista e polistrumentista norvegese nato nell'isola di Sula, a 61 gradi di latitudine nord e sprofondato tra fiordi la cui bellezza toglie il fiato, "Switch" rappresenta un vero e proprio cambiamento di visuale del proprio mondo jazz.

Dopo gli inizi che affondavano le radici nel rock e a fianco dei Mascalero, il gruppo formato nei primi anni Ottanta, Molvaer è passato ad una carriera solistica mescolando jazz ed elettronica, tromba e batteria con il folgorante esordio di "Khmer" (1997), un riuscitissimo lavoro nel quale il drum'n'bass faceva capolino in casa Ecm. Con "Switch" raggiunge la dozzina di album ma nel suo carnet di musicista Nils Petter Molvaer aggiunge una ventina di collaborazioni discografiche importanti a fianco di musicisti di levatura come Marilyn Mazur, Rita Marcotulli, Sidsel Endresen, John Balke, Bill Laswell, Ketyl Bjornstad, Michel Benita e Manu Katché. Il suono della tromba di Molvaer risente della fondamentale scuola di Miles Davis, tra partitura e improvvisazione, ma si ammanta di un sounscaping davvero lussuoso grazie all'uso della steel guitar a pedale che, unita alla tromba crea un magistrale tappeto sonoro che rimanda a decine di immaginari film.

Quello di "Switch" è un suono che non è mai sperimentale fine a se stesso. Usa molta melodia e crea un vero e proprio cambiamento nel ricco stile dello strumentista. Fondamentalmente sono tre i nuovi musicisti che lo accompagnano: Erland Dahlen (già presente nel precedente "Baboon moon", percussionista di vasta creatività nonché chitarrista, Gair Sundstol, secondo chitarrista ma anche bassista e Morten Quenild, tastierista e programmatore cui si aggiunge sporadicamente anche Jon Marius Aareskjold, secondo programmatore che gioca di continue intrusioni, come recita il titolo che ricorre spesso in tutto il lavoro. L'ascolto di "Switch" fa sprofondare letteralmente in un mondo di suggestioni grazie ad una ricerca sonora di grande classe che gioca con le note come potrebbe fare una serie di pagine letterarie dei tanti autori nordici dell'Iperborea. E' una colonna sonora crepuscolare ma segna con le sue note anche i lenti passaggi di luce di un giorno in arrivo.

Voto 8,5/10

26/05/2014





        
  



5+5=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
TEDxFermo sorprende a FermHamente (segue)
27/10/2022
53 anni di Macerata Jazz (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
23/10/2022
A RisorgiMarche il Premio "Cultura in Verde" (segue)
22/10/2022
Porto San Giorgio torna a gareggiare al Palio dei Comuni (segue)
20/10/2022
La Nuova Barberia Carloni apre un tris di spettacoli (segue)

San Benedetto

12/10/2022
Studenti omaggiano il Milite Ignoto (segue)
10/06/2020
Samb: Serafino è il nuovo presidente! (segue)
27/01/2020
Istituto Professionale di Cupra Marittima: innovazione a tutto campo. (segue)
25/01/2020
Open Day a Cupra Marittima, al via il nuovo corso Web Community – Web Marketing (segue)
19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
10/01/2020
UGL Medici:"Riteniamo che gli infermieri e i medici debbano essere retribuiti dalla ASUR5" (segue)
10/01/2020
Premiato il cortometraggio intitolato "Sogni di Rinascita- Sibillini nel cuore" (segue)
ilq

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji