Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi
mercoledì 04/10/2023    |   Ultimo aggiornamento ore 15:33    |   Lavora con noi    |  

Iniziato il lavoro sulle scogliere

San Benedetto del Tronto | I massi provengono dall’entroterra ascolano. Entro la prima giornata dovrebbe essere completato il primo di nove tratti.

Il progetto per le scogliere

Condizioni del mare finalmente propizie per l'avvio dei lavori sulle scogliere a San Benedetto. Nella mattinata di oggi, mercoledì, il pontone della ditta Imeco srl di Napoli ha iniziato a lavorare per l'ulteriore - e si spera definitiva - sistemazione delle barriere antierosione, con massi provenienti dall'entroterra ascolano. La ditta dovrà sopraelevare nove scogliere soffolte, lavorando da sud verso nord, per complessivi 900 metri.

E già entro questa prima giornata di lavori l'ing. Vincenzo Marzialetti, responsabile dell'ufficio "Difesa della costa" alla Regione Marche, stima che dovrebbe essere completata la prima scogliera, che presenta minori "difficoltà" operative. Per il resto è confermato che l'intervento verrà portato avanti fino alla fine di giugno e poi ripreso dopo la stagione turistica.

Da un rapido calcolo dei tempi, si stima inoltre che anche il ripascimento della spiaggia dovrebbe avvenire dopo l'estate, prelevando la sabbia all'esterno del porto. Le nuove barriere dovrebbero garantire la difesa di questo materiale e inoltre un guadagno di alcuni metri di spiaggia dal mare. All'avvio dei lavori hanno assistito stamattina, oltre all'ing. Marzialetti, anche il sindaco Gaspari e il consigliere regionale Perazzoli.

Con l'attuale stanziamento di 1,2 milioni di euro quasi interamente a carico della Regione Marche, si è superata la cifra di 3 milioni di euro di fondi pubblici spesi negli ultimi anni a San Benedetto per la difesa della costa dall'erosione e l'escavo dell'imboccatura del porto a beneficio dei pescherecci. Il contributo dell'Amministrazione comunale a queste spese è stato fluttuante, ma in media intorno al 20%. La pulizia della spiaggia, invece, viene effettuata dalla Picenambiente, ed è quindi indirettamente a carico del Comune.

Da quest'anno, ad ogni modo, si registra un notevole risparmio economico, per via del mancato conferimento della sabbia "sporca" in discarica. La sabbia viene invece filtrata e riutilizzata, come pure i vari materiali differenziati, rinvenuti durante questa operazione.

11/05/2011





        
  



1+4=

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Terremoto: subito prevenzione civile e transizione digitale (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
14/11/2022
Il presidente di Bros Manifatture riceve il premio alla carriera "Hall of Fame/Founders Award" (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)

San Benedetto

12/10/2022
Studenti omaggiano il Milite Ignoto (segue)
10/06/2020
Samb: Serafino è il nuovo presidente! (segue)
27/01/2020
Istituto Professionale di Cupra Marittima: innovazione a tutto campo. (segue)
25/01/2020
Open Day a Cupra Marittima, al via il nuovo corso Web Community – Web Marketing (segue)
19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
10/01/2020
UGL Medici:"Riteniamo che gli infermieri e i medici debbano essere retribuiti dalla ASUR5" (segue)
10/01/2020
Premiato il cortometraggio intitolato "Sogni di Rinascita- Sibillini nel cuore" (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji