Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi
venerdì 19/04/2019    |   Ultimo aggiornamento ore 17:56    |   Lavora con noi    |  

Iniziato il lavoro sulle scogliere

San Benedetto del Tronto | I massi provengono dall’entroterra ascolano. Entro la prima giornata dovrebbe essere completato il primo di nove tratti.

Il progetto per le scogliere

Condizioni del mare finalmente propizie per l'avvio dei lavori sulle scogliere a San Benedetto. Nella mattinata di oggi, mercoledì, il pontone della ditta Imeco srl di Napoli ha iniziato a lavorare per l'ulteriore - e si spera definitiva - sistemazione delle barriere antierosione, con massi provenienti dall'entroterra ascolano. La ditta dovrà sopraelevare nove scogliere soffolte, lavorando da sud verso nord, per complessivi 900 metri.

E già entro questa prima giornata di lavori l'ing. Vincenzo Marzialetti, responsabile dell'ufficio "Difesa della costa" alla Regione Marche, stima che dovrebbe essere completata la prima scogliera, che presenta minori "difficoltà" operative. Per il resto è confermato che l'intervento verrà portato avanti fino alla fine di giugno e poi ripreso dopo la stagione turistica.

Da un rapido calcolo dei tempi, si stima inoltre che anche il ripascimento della spiaggia dovrebbe avvenire dopo l'estate, prelevando la sabbia all'esterno del porto. Le nuove barriere dovrebbero garantire la difesa di questo materiale e inoltre un guadagno di alcuni metri di spiaggia dal mare. All'avvio dei lavori hanno assistito stamattina, oltre all'ing. Marzialetti, anche il sindaco Gaspari e il consigliere regionale Perazzoli.

Con l'attuale stanziamento di 1,2 milioni di euro quasi interamente a carico della Regione Marche, si è superata la cifra di 3 milioni di euro di fondi pubblici spesi negli ultimi anni a San Benedetto per la difesa della costa dall'erosione e l'escavo dell'imboccatura del porto a beneficio dei pescherecci. Il contributo dell'Amministrazione comunale a queste spese è stato fluttuante, ma in media intorno al 20%. La pulizia della spiaggia, invece, viene effettuata dalla Picenambiente, ed è quindi indirettamente a carico del Comune.

Da quest'anno, ad ogni modo, si registra un notevole risparmio economico, per via del mancato conferimento della sabbia "sporca" in discarica. La sabbia viene invece filtrata e riutilizzata, come pure i vari materiali differenziati, rinvenuti durante questa operazione.

11/05/2011





        
  



3+4=

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

17/04/2019
A scuola con la Guardia di Finanza: (segue)
17/04/2019
Violenza in Famiglia: se ne parla con Roberta Bruzzone, Roberto Mirabile e Lucia Zilli (segue)
16/04/2019
Serata Saharawi: oltre 5000 € per l' accoglienza sanitaria dei bambini (segue)
13/04/2019
L'Ing. Pietro Guidi Massi ci ha lasciati (segue)
13/04/2019
Monteprandone capofila nel progetto Open Fiber (segue)
13/04/2019
Polizia individua autori di danneggiamenti ad auto in sosta e autore di furto in appartamento (segue)
13/04/2019
Volante restituisce elicottero elettrico radiocomandato rubato in mattinata (segue)
12/04/2019
Corso per volontari di protezione civile, aperte le iscrizioni (segue)

San Benedetto

18/04/2019
Non giriamoci dall'altra parte: Fiammetta Borsellino incontra il Liceo Classico Leopardi (segue)
17/04/2019
A scuola con la Guardia di Finanza: (segue)
17/04/2019
26° EDIZIONE DEI GIOCHI MATEMATICI (segue)
17/04/2019
Le regole vogliono sacrifici in "I paradossi del diritto", 2019. (segue)
17/04/2019
Torna Home Care Premium, sostegno ai disabili iscritti all’INPS (segue)
17/04/2019
Il PD ha programmato degli incontri per un percorso di ascolto e di confronto (segue)
17/04/2019
La disfagia al centro di una serie di incontri all’istituto alberghiero di San Benedetto (segue)
17/04/2019
In Viaggio con Luca Leone, Giovanna Famulari, Alessia e Fabia Salvucci per l’ultima serata di In art (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino