Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi
mercoledì 16/10/2019    |   Ultimo aggiornamento ore 21:46    |   Lavora con noi    |  

Cittadinanzattiva e i tagli delle province

San Benedetto del Tronto | Teresa Petrangolini, segretario generale di Cittadinanzattiva, si esprime sulla possibilità dei tagli alle province.

"Le Province sono enti superflui e troppo spesso privi di impatto, le cui competenze potrebbero essere agevolmente ripartite tra Regioni e Comuni. Inoltre, il costo supera i 16,5 miliardi di euro all'anno, denaro che potrebbe essere speso meglio per una serie di obiettivi - tra gli altri, per esempio, la ristrutturazione, la manutenzione e la messa a norma degli istituti scolastici - a vantaggio delle comunità locali. Al contrario, negli ultimi anni, abbiamo assistito all'aumento ingiustificato del numero di questi enti, per motivi di esclusivo tornaconto politico", queste le dichiarazioni di Teresa Petrangolini, segretario generale di Cittadinanzattiva.

"Il Governo sembrava orientato ad avviare un taglio delle province con la manovra finanziaria, ma lo ha fatto in modo pasticciato, secondo criteri assai discutibili e senza un disegno complessivo. Comprendiamo tutte le difficoltà di carattere tecnico-legislativo, ma, come spesso accade, crediamo che le pressioni del ceto politico - che nelle province gode di un bacino di più di 4mila incarichi - abbiano avuto la meglio.

Il Governo ha fatto retromarcia e la riforma è oggi rimandata al cd. Codice delle autonomie. Intervenire in questa direzione, viceversa, avrebbe permesso un risparmio e un miglior uso della spesa pubblica - laddove questa è altamente improduttiva e senza reali effetti per i cittadini - ed una migliore ripartizione di funzioni, competenze e impiegati pubblici. 

A ciò si aggiunga che le Province non sono coerenti con una vera riforma federale della Repubblica", ha quindi concluso la Petrangolini, "la loro origine è quella di mere articolazioni locali del potere governativo centrale ed oggi ormai servono soprattutto alla riproduzione del ceto politico. Viceversa, con una profonda razionalizzazione o, addirittura, con l'abolizione di questi enti - che Cittadinanzattiva ha già suggerito in passato - si potrebbe valorizzare maggiormente il ruolo attribuito dalla riforma del Titolo V alle Regioni. Queste ultime dovrebbero definire il quadro giuridico per le competenze liberate dalle Province e, in questo quadro, si dovrebbero istituire "accordi funzionali" tra Comuni. Potrebbe essere questa un'opportunità, infine, per valorizzare al meglio la sussidiarietà dell'art.118 u.c. della Costituzione e promuovere la partecipazione dei cittadini nella dimensione pubblica locale".

09/06/2010





        
  



4+1=

Altri articoli di...

Politica

15/10/2019
Lettera inviata questa mattina da UGL ai vertici aziendali AV5 e Regionale Marche (segue)
12/10/2019
Orgoglio civico:"Prossime Regionali nelle Marche: sanità non come mucca da mungere" (segue)
29/09/2019
Il gazebo di Italia Viva in centro per lo ius culturae (segue)
13/08/2019
"Concorso regionale per medici di pronto soccorso eseguito ma tardano le chiamate di assunzione" (segue)
09/08/2019
Pellei sull'Affido Familiare "Pretestuoso, strumentale e vergognoso". (segue)
31/07/2019
Orgoglio civico"Sanità alle prossime elezioni regionali del 2020-fermatevi se potete!!" (segue)
08/07/2019
Il Comune era presente, con il suo Ufficio Politiche Comunitarie, a Zara (segue)
30/06/2019
Orgoglio civico:"Quale futuro per la Pediatria del Madonna del Soccorso?" (segue)

San Benedetto

15/10/2019
Lettera inviata questa mattina da UGL ai vertici aziendali AV5 e Regionale Marche (segue)
15/10/2019
Fermato un pregiudicato di 44 anni residente a Martinsicuro (segue)
14/10/2019
Samb:sbancato il Manuzzi! (segue)
13/10/2019
GROTTAMMARE - ATLETICO ALMA 0 - 0 (segue)
12/10/2019
Consegnati i riconoscimenti del Gran Pavese Rossoblu (segue)
12/10/2019
Orgoglio civico:"Prossime Regionali nelle Marche: sanità non come mucca da mungere" (segue)
12/10/2019
Il liberty nelle Marche: un vero e proprio stile di vita (segue)
12/10/2019
Controlli a tappeto della Polizia Stradale su alcool, droga e irregolarità dei mezzi pesanti (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji