Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi
martedì 12/11/2019    |   Ultimo aggiornamento ore 18:35    |   Lavora con noi    |  

All'Istituto comprensivo "Ripatransone e Cupra Marittima" è arrivato "Alugame"

Ripatransone | Alugame è il nuovo gioco per le scuole della regione Marche finalizzato a trasferire ai più giovani, attraverso il gioco, le infinite possibilità dell'alluminio e soprattutto i benefici di una raccolta differenziata corretta.

 E' partito venerdì 22 marzo dall'Istituto Comprensivo di Fossombrone la prima edizione del Progetto didattico "Alugame", gioco a quiz dedicato alle classi delle scuole medie marchigiane promosso da CIAL, Consorzio Nazionale che si occupa, da circa vent'anni, di garantirte il recupero e l'avvio al riciclo degli imballaggi in alluminio post-consumo provenienti dalla raccolta differenziata organizzata dai Comuni italiani.

L’industria italiana del riciclo dell’alluminio detiene una posizione di rilievo nel panorama mondiale per quantità di materiale riciclato. Il nostro Paese è infatti terzo al Mondo assieme alla Germania dopo Stati Uniti e Giappone. E’ un primato molto interessante se consideriamo gli aspetti legati alle performance ambientali di questo materiale: infinita riciclabilità, tutela dell’ambiente e delle sue risorse naturali e importante contributo alla riduzione di emissioni nell’atmosfera in linea con il protocollo di Kyoto.

Conoscere l’alluminio nella vita quotidiana, le sue applicazioni e le qualità del materiale, è essenziale per una raccolta differenziata consapevole e cosciente, finalizzata ad un riciclo “necessario” per la salvaguardia dell’ambiente. 

E’ questo l’intento principale di Alugame: trasferire ai più giovani, attraverso il gioco, le infinite possibilità di questo metallo e soprattutto i benefici di una raccolta differenziata responsabile e corretta.

Il contest è diviso in due fasi: la prima nella quale si trasmettono valori e concetti su come avviare correttamente a riciclo un imballaggio in alluminio, un interessante momento di scambio di idee tra gli studenti ed il noto conduttore Alvin Crescini. Nella seconda fase invece, si verificano le nozioni apprese attraverso l'attività di gamification, ingaggiando una sana competizione tra studenti.

Martedì 14 maggio, lo staff è stato accolto dall’Istituto Comprensivo Ripatransone. Un appuntamento divertente ed istruttivo che ha visto gli studenti, parte attiva del progetto, appassionarsi al tema trattato, cercando di ottenere il pass per la Finale Regionale.

Mercoledì 15 maggio, sarà il turno dell’Istituto Comprensivo Cupra Marittima mentre giovedì lo staff sarà a Montefiore dell’Aso e venerdì ad Ascoli Piceno all’Istituto Comprensivo Borgo Solestà - Cantalamessa.

19/05/2019





        
  



5+5=

Altri articoli di...

San Benedetto

10/11/2019
La Samb torna alla vittoria: Di Massimo e Frediani fanno tornare il sorriso. (segue)
10/11/2019
GROTTAMMARE - VALDICHIENTI 1 - 0 (segue)
10/11/2019
Interventi di Orgoglio Civico, di 63074, del Comitato Salviamo il Madonna del Soccorso sulla Santà (segue)
10/11/2019
Ivano Dionigi apre gli "Incontri" della Partecipazione (segue)
09/11/2019
Un buon Centobuchi si arrende alla forza in avanti dell'Atl Ascoli (segue)
09/11/2019
Renato Minore presenterà il libro "O Caro pensiero" (segue)
09/11/2019
Remo Bodei: Un Grande Maestro Della Scuola Italiana (segue)
09/11/2019
Raffaella Milano presenta il libro "I Figli dei nemici" (segue)

Cultura e Spettacolo

10/11/2019
Ivano Dionigi apre gli "Incontri" della Partecipazione (segue)
09/11/2019
Renato Minore presenterà il libro "O Caro pensiero" (segue)
09/11/2019
Remo Bodei: Un Grande Maestro Della Scuola Italiana (segue)
09/11/2019
Raffaella Milano presenta il libro "I Figli dei nemici" (segue)
04/11/2019
Luca Orsini, il cantautore con il basso (segue)
01/11/2019
Santa Maria della Rocca: una sorpresa che ogni volta si rinnova (segue)
27/10/2019
"Iosonofalso- La Realtà Manipolata" (segue)
24/10/2019
Parte sabato 26 ottobre a Giulianova la rassegna “La pintìca dei libri” (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji