Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi
mercoledì 07/12/2022    |   Ultimo aggiornamento ore 15:33    |   Lavora con noi    |  

Le radici della vita di Guido Armeni

Camerino | Il tema della natura sviluppato attraverso la scultura. Conversazione con Guido Armeni e Donatella Pazzelli nella chiesa di San Filippo Neri.

L’Associazione nazionale dei musei d’arte contemporanea rinnova il proprio impegno nella “Giornata del contemporaneo” a Serra San Quirico nella chiesa di San Filippo, con un mostra dal titolo “Le radici della vita” di Guido Armeni che si aprirà il 15 ottobre.  L’evento è patrocinato dal Comune di Serra San Quirico e dalla Unione montana esino-frasassi.         

Nella stessa giornata, alle ore 16, dopo il saluto delle autorità, l’artista incontrerà la scrittrice camerte, Donatella Pazzelli, autrice del libro “Gli ulivi di Albanella” che affronterà insieme a  Guido Armeni il tema dell’albero e della natura nell’arte.         

Il percorso espositivo,  dislocato lungo la navata centrale della chiesa, curato da Andrea Carnevali, sarà delineato da  una serie di opere  inedite e da una rilettura di alcuni lavori storici dell’autore. In questa occasione sarà possibile vedere, inoltre,  la scultura “Unione di civiltà  che ha ottenuto il premio “InOpera 2010-Sulle grandi orme di Matteo Ricci” ai musei di Palazzo Buonaccorsi a Macerata, da Antonio Paolucci, direttore dei Musei vaticani

La ricerca espressiva di Guido Armeni comprende, fin dagli esordi della sua carriera,  alcune sperimentazioni sugli effetti del colore, come il bianco o il nero, che raffigurano le stratificazioni del passato presenti nella memoria dell’uomo.

 

Attraverso la dimensione emotiva dell’immagine riprodotta in scultura, affiorano nelle sue opere questioni di grande importanza come la natura, il paesaggio e le emergenze architettoniche e ambientali. Gli alberi di marmo uniscono  la performance espositiva alla spiritualità in un modo unitario perché la natura è un tema attuale e coerente con il nostro presente.    

25/09/2016





        
  



2+1=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
TEDxFermo sorprende a FermHamente (segue)
27/10/2022
53 anni di Macerata Jazz (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
23/10/2022
A RisorgiMarche il Premio "Cultura in Verde" (segue)
22/10/2022
Porto San Giorgio torna a gareggiare al Palio dei Comuni (segue)
20/10/2022
La Nuova Barberia Carloni apre un tris di spettacoli (segue)

Fuori provincia

14/11/2022
Terremoto: subito prevenzione civile e transizione digitale (segue)
14/11/2022
Il presidente di Bros Manifatture riceve il premio alla carriera "Hall of Fame/Founders Award" (segue)
02/11/2022
Glocal 2022: dove i giovani diventano protagonisti del giornalismo (segue)
02/11/2022
Sisma 2016: approvati 15 mila contributi per 4.8 miliardi (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)
27/10/2022
TEDxFermo sorprende a FermHamente (segue)
23/10/2022
A RisorgiMarche il Premio "Cultura in Verde" (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji