Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi
lunedì 15/07/2024    |   Ultimo aggiornamento ore 18:27    |   Lavora con noi    |  

Nel mondo di Mark Oliver Everett

| Eels "The cautionary tales of Mark Oliver Everett"

di

Eels

"The cautionary tales of Mark Oliver Everett"

E' una bella immagine quella che arriva dal titolo importante di questa ennesima produzione della band alternativa degli Eels, formazione della Virginia guidata dall'introverso Mark Oliver Everett. Dopo essersi nascosto per anni dietro sigle e pseudonimi ("E" o "Mr. E.") oggi esce allo scoperto col suo nome per ammonire il mondo che lo circonda e la grande schiera dei suoi fans con i racconti pieni di verità e amarezza della sua vita travagliata. Figlio di un importante fisico come Hugh Everett III, il cui cadavere fu scoperto proprio da Mark all'età di 19 anni e con una sorella tossicodipendente e suicida, l'artista ha dato vita agli Eels producendo una decina di lavori in quasi venti anni di attività.

In quasi vent'anni Everett è passato dal rock al grunge, dall'hip hop al blues elettrico traducendo le forti emozioni della sua esistenza nelle più svariate forme musicali. Con questo splendido lavoro (nella confezione deluxe è un doppio disco con sei brani di live acustico) gli Eels entrano in una dimensione cantautorale nella quale ogni brano mette a nudo il personaggio Mark Everett e il suo mondo interiore, a iniziare dagli universi paralleli di suo padre ("Parallels") per passare alle riflessioni esistenziali e alla ricerca della strada principale della sua vita. La sua bellissima voce rauca rimanda direttamente ai colori del classico Randy Newman (superbe le esecuzioni di "Where i'm going" o "Gentleman's choice" ma non è da meno in "Answers") ma anche alle introspezioni di Tom Waits ("Dead reckoning", "Millicent don't blame yourself"). Everett confessa gli errori della sua vita ("Mistakes of my youth") e cerca risposte nella musica. Potrebbe essere uno scrittore con i toni di Foster Wallace nel cercare gli antidoti alla solitudine cosciente che raramente è disperazione.

La musica e la canzone sono la sua medicina ed egli riesce ad avvolgerla con una sottesa melodia da grande talento del pop. A volte Everett sa vestire le sue parole con avvolgenti orchestrazioni à la Michel Legrand (vedi la superlativa "Lonely lockdown hurricane") tanto la sua vena melodica è ricca e colorata. I suoi amici musicisti (Derek Brown, Mike Sawitzke, The Chet) lo assecondano ed entrano magicamente nel suo mondo. E' un disco compatto e con una lunga linea d'ombra "The cautionary tales", fatto di rivelazione e di confessione a cuore aperto, di perfette composizioni e di amara consapevolezza. Come nel magnifico documentario della BBC "Parallel worlds, parallel lives", Mark Oliver Everett si mette a nudo con un disco di canzoni superlative.

Voto 9/10

03/05/2014





        
  



1+3=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
TEDxFermo sorprende a FermHamente (segue)
27/10/2022
53 anni di Macerata Jazz (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
23/10/2022
A RisorgiMarche il Premio "Cultura in Verde" (segue)
22/10/2022
Porto San Giorgio torna a gareggiare al Palio dei Comuni (segue)
20/10/2022
La Nuova Barberia Carloni apre un tris di spettacoli (segue)

San Benedetto

12/10/2022
Studenti omaggiano il Milite Ignoto (segue)
10/06/2020
Samb: Serafino è il nuovo presidente! (segue)
27/01/2020
Istituto Professionale di Cupra Marittima: innovazione a tutto campo. (segue)
25/01/2020
Open Day a Cupra Marittima, al via il nuovo corso Web Community – Web Marketing (segue)
19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
10/01/2020
UGL Medici:"Riteniamo che gli infermieri e i medici debbano essere retribuiti dalla ASUR5" (segue)
10/01/2020
Premiato il cortometraggio intitolato "Sogni di Rinascita- Sibillini nel cuore" (segue)
ilq

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji