Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi
lunedì 08/02/2016    |   Ultimo aggiornamento ore 19:48    |   Lavora con noi    |  

Medicina molecolare. Alla "Filarmonica" il convegno della nuova associazione di ricerca maceratese

| MACERATA - Per realizzare un progetto di sviluppo industriale sulle biotecnologie che porti ad un laboratorio vengano messe a punto nuove molecole utili alla terapia e diagnosi in campo oncologico".

L'ACOM, la società a capitale misto, pubblico e privato, promossa alcuni anni fa dalla Provincia per potenziare sul territorio maceratese le strutture per la lotta ai tumori, ha indirettamente favorito anche la crescita di una cultura e di una sensibilità in campo oncologico e, più in generale, della salute. Nella stessa città di Macerata sono sorte alcune associazioni private, sia di volontariato, sia di ricerca. Una di queste è la "Dream Mc", associazione sorta nel 2003 che opera nel campo della medicina molecolare. Ancora poco nota sul territorio, essa è però già conosciuta da numerosi ricercatori di diverse università italiane e straniere. 

Obiettivi ed attività della Dream Mc saranno presentati venerdì prossimo (11 febbraio) alle 18 in un convegno che la stessa associazione ha organizzato,  con il sostegno della Banca delle Marche e della Fondazione Carima, presso il teatro della Filarmonica, in via Gramsci a Macerata. Tema dei lavori: "Nanotecnologia e Micropet"; a parlarne sarà uno dei maggiori specialisti europei, l'inglese Leonard Fass. Con lui interverranno anche diversi ricercatori che stanno lavorando al progetto avviato dall'associazione maceratese e Nicola Colonna, presidente della Drem Mc.

"L'obiettivo specifico della ricerca condotta dalla nostra associazione - sottolinea il presidente - è di realizzare un progetto di sviluppo industriale sulle biotecnologie che porti ad un laboratorio dove, attraverso la sinergia tra biogenetica, radiofarmacia e fisica applicata, vengano messe a punto nuove molecole utili alla terapia e diagnosi in campo oncologico".

09/02/2005





        
  



3+2=

Altri articoli di...

Fuori provincia

08/02/2016
La Regione Marche su Assistenza e Servizi (segue)
01/02/2016
Il “dolce” Carnevale marchigiano (segue)
27/01/2016
Presentazione del nuovo direttore generale dell'Azienda Ospedali Riuniti Michele Caporossi (segue)
22/01/2016
Una rotonda sul mare: applausi al Grottammarese dell'anno Luigi Merli e allo spettacolo (segue)
21/01/2016
I luoghi del cuore nelle Marche pronti a rinascere. Presentati in Regione gli interventi di recupero (segue)
14/01/2016
Guardia di Finanza: Perquisizioni in tutto il territorio del Fermano (segue)
11/01/2016
Al Teatro La Fenice di Senigallia il 2016 apre con l'artista siciliana Teresa Mannino (segue)
09/01/2016
“DALLA PARTE DEI POVERI” Percorso di formazione regionale per giovani (segue)

Castelbellino night jazz

Una serata con il grande jazz

Andrea Carnevali

IL VALORE DELLA FIABA POPOLARE

I bambini son più convinti degli adulti dell'importanza delle fiabe popolari. Essere adulti,infatti,significa spesso,essere adulterati da spiegazioni razionali e sottovalutare gli aspetti infantili che si ritrovano nelle fiabe.

Antonio De Signoribus


Io e Caino